Homo socraticus, l’individuo e la condizione logico-filosofica della comunicazione

L’attualità del pensiero socratico non deve stupirci: il filosofo ateniese, molti secoli prima dell’invenzione della stampa a caratteri mobili e della rivoluzione digitale, ha individuato nell’ecologia dei rapporti comunicativi, l’equilibrio per (ri)definire le relazioni umane, promuovendo un paradigma politico e sociale del cittadino che, comunicando appunto, adattando un messaggio ad un contesto attraverso linguaggio e media, determina la propria condizione all’interno della πόλις. L’imperitura lezione di Socrate è capace tutt’oggi di influenzare gli studi sulla comunicazione, permettendoci di comprendere e di prendere parte, con chiarezza e consapevolezza, al dibattito sull’agire comunicativo, in un’epoca, la nostra, dove il mondo diviene in misura sempre maggiore un “villaggio globale”.

 

ABSTRACT:

Perché partire da Socrate per comprendere le principali tecniche della comunicazione e il riflesso che hanno sulla condizione umana? La considerazioni del filosofo ateniese riguardo la pedagogia, la politica e l’etica, filtrate dalle pagine dei Dialoghi di Platone, aprono la strada verso quaestiones in-attuali, capaci ancor oggi di porre un accento chiarificatore su molti interrogativi sorti con l’avvento, nel XX secolo, dei mass media. Nell’epoca del digitale e del web, la lezione educativa di Socrate può essere utile per comprendere la nuove frontiere della socialità e dell’interattività, attraverso un nuovo nuovo paradigma relazionale?

 

La recensione:

FullSizeRender (1).jpg“Perché partire da Socrate per parlare di comunicazione? L’autore, già nella premessa del libro, fornisce la risposta, precisando che “la lezione di Socrate … è preziosa per trovare la strada della corretta educazione” (p. 1). Il saggio di Michele Valente, in concreto, parte da lontano per sviluppare un’approfondita analisi sulle tecniche di comunicazione che dovrebbero essere utilizzate sul piano pedagogico, politico, sociale ed etico, fornendo buoni consigli, a chi si confronta in una discussione, per dare maggiore valenza alla forza della ragione e non alla ragione della forza.
Lo scrittore, in ultima analisi, offre efficaci proposte per gestire al meglio le dinamiche relazionali nella comunicazione interpersonale, suggerendo come meglio dialogare per convincere senza aggredire e farsi convincere senza subire passivamente.”

 

Acquista il libro su ilmiolibro.kataweb.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...